Orari e Turni Farmacie
Carta dei servizi
AFAS su iPhone
Ricerca veloce
Carrello Prenotazione
AFAS su Facebook

Problemi dell'anzianità

I problemi dell’anziano, non necessariamente malato ma comunque con autonomia e capacità funzionari compromesse, possono essere di ordine psicologico, sociale, e sanitario. Per l’aspetto psicologico e sociale l’anziano non deve sentirsi un “peso”: deve essere accettato come tale indipendentemente dall’aspetto e dall’umore; ha bisogno d’affetto, comprensione, solidarietà ed autostima, soprattutto quando aumenta la sua dipendenza fisica dagli altri. È bene inoltre che mantenga dei contatti umani per condurre un’esistenza il più possibile attiva ed evitare l’isolamento e l’emarginazione. I problemi di ordine sanitario possono essere: prolungata immobilizzazione a letto, piaghe da decubito, disidratazione ed alimentazione inadeguata, stitichezza, incontinenza urinaria e cadute.

Immobilizzazione a letto
L’immobilizzazione a letto, favorendo l’insorgere di complicazioni gravi, spesso mortali (es. broncopolmonite), deve avvenire solo se ci sono validi motivi (es. una febbre modesta di per sè non lo è). Se però è necessario, bisogna posizionare correttamente l’anziano sù da permettere un’adeguata e migliore respirazione e cambiargli frequentemente posizione sollevandolo e ruotandolo, non strisciandolo per evitare l’insorgere delle piaghe da decubito.Se le piaghe sono presenti si detergono con soluzione fisiologica, usando disinfettanti ed antibiotici solo se sono infette e dietro prescrizione medica.

Disidratazione ed alimentazione inadeguata
L’anziano beve poca acqua con conseguente disidratazione; invece, specialmente se ha febbre o è portatore di catetere, deve bere molto (tranne quando c’è ridotto flusso urinario). Infatti il sudore e l’urina sono liquidi ricchi di sali minerali importanti per l’organismo e perciò si deve reintegrarli non solo con acqua ma anche con tisane e spremute. L’alimentazione deve essere completa (tranne in presenza di particolari malattie, quali ad esempio il colesterolo o la glicemia alti, che richiedono diete particolari), realizzata con pasti regolari, non abbondanti specialmente la sera. Se l’anziano ha difficoltà a deglutire, i cibi possono essere frullati o tritati o si può ricorrere a prodotti omogeneizzati. Inoltre, se deve essere imboccato, è bene procedere con calma altrimenti, la sensazione di fretta, può indurlo a mangiare meno.

Stitichezza
Un’adeguata assunzione di liquidi e di cibo è importante anche per combattere la stitichezza, altro problema dell’anziano. Infatti, anche se non costretto a letto, conduce una vita sedentaria o comunque di poco movimento con conseguente diminuzione della funzionalità intestinale. È bene perciò, se possibile, farlo muovere (es. passeggiate) ed aiutarlo con un’alimentazione ricca di fibre (pane e pasta), di frutta sia cruda (pere, uva, fichi) che cotta (mele e prugne), di verdura (carciofi, spinaci) e di liquidi (es. 1 o 2 bicchieri di acqua tiepida a digiuno la mattina). Se l’anziano non sopporta questi cibi perché gli provocano gonfiore e mal di pancia, si ricorre a lassativi che, assorbendo acqua e rendendo le feci più morbide, faciliteranno lo svuotamento dell’intestino. L’uso di lassativi irritanti deve essere occasionale e riservato a casi più ostinati.

Incontinenza urinaria
L’incontinenza urinaria va inizialmente trattata cercando di regolamentare lo svuotamento della vescica, accompagnando l’anziano in bagno ad intervalli regolari, educandolo così ad urinare. Se ciò non è soddisfacente come pure l’uso di farmaci specifici (possono dare effetti indesiderati), si ricorre ad indumenti protettivi, che devono essere cambiati frequentemente seguendo un’accurata igiene.

Cadute
Le cadute pericolose per le conseguenti fratture, si prevengono sia evitando l’uso dei farmaci sedativi (di giorno possono provocare un rallentamento dei riflessi e della coordinazione motoria) sia, se l’anziano à a letto, utilizzando delle spalliere da applicare al letto o delle seggiole. Va evitato anche l’uso di tappetini o pedane che possono far scivolare o inciampare.