Orari e Turni Farmacie
Carta dei servizi
AFAS su iPhone
Ricerca veloce
Carrello Prenotazione
AFAS su Facebook

Igiene del neonato

L’igiene è fondamentale per tutti, a qualunque età, ma particolarmente lo è per i bambini, più vulnerabili e indifesi degli adulti. Per igiene si intende la pulizia sia del corpo e degli indumenti che degli oggetti con cui il neonato viene a contatto e infine dell’ambiente. Nei primi giorni di vita, il moncone ombelicale va trattato con alcool, per favorire l’essiccazione e ricoperto con garza sterile e rete elastica per proteggerlo da possibili infezioni. Il bagno completo va fatto dopo la caduta del cordone ombelicale. La temperatura dell’ambiente deve essere compresa tra 20° / 25° circa, mentre l’acqua deve essere 36°/37°. Il bagno va praticato tutti i giorni prima del pasto del mattino o prima dell’ultimo pasto della sera in quanto non ha soltanto la funzione di pulizia ma anche una funzione antisettica. Una particolare attenzione va riservata alla pulizia di certe parti del corpo: capelli,orecchie, mani, unghie, pelle, occhi.

Capelli, orecchie, mani, unghie, pelle, occhi
I capelli vanno lavati ogni giorno perchè il cuoio capelluto secerne abbondanti sostanze grasse che accumulandosi possono formare delle croste. L’igiene dell’orecchio consiste unicamente nella esportazione del cerume da effettuarsi con acqua tiepida o con bastoncini di cotone senza spingere in profondità ma limitandosi alla pulizia del padiglione auricolare. Le unghie vanno tagliate regolarmente con forbici speciali per bambini, altrimenti si potrebbero provocare graffi al neonato. Una corretta igiene comporta un lavaggio ripetuto delle mani con acqua e sapone seguito sempre da un prolungato risciacquo. Nei primi mesi di vita la pelle del bambino richiede cure e attenzioni particolari perchè è molto sottile e delicata. Il viso, le ascelle e il sederino hanno bisogno di essere tenuti puliti e asciutti. In particolare bisogna evitare che residui di urina e di feci irritino il sederino fino a provocare disturbi fastidiosi e anche dolorosi. E’ consigliabile cambiare i pannolini almeno 4 o 5 volte al giorno, ovvero ogni volta che il bambino è bagnato o sporco. Nei primi mesi di vita non bisogna esporre gli occhi del neonato a luce troppo intensa. Se l’occhio è arrossato lavarlo con acqua bollita tiepida, se perchè c’è secrezione abbondante e densa, è necessario rivolgersi al pediatra.

L’igiene dell’ambiente
Oltre all’igiene della persona bisogna provvedere all’igiene dell’ambiente, alla pulizia di tettarelle, biberon, succhietti e giochi. La casa deve essere mantenuta pulita, gli ambienti devono essere ben areati, soleggiati e asciutti. Se l’aria è molto secca occorre umidificare con appositi vaporizzatori. Non bisogna fumare nelle stanze in cui vive il bambino. La sterilizzazione degli oggetti può essere effettuata “a caldo” con la bollitura, oppure “a freddo” mediante soluzioni speciali non pericolose per il bambino per evitare il formarsi di infezioni orali come il mughetto o l’ingestione di germi patogeni. Per la pulizia degli indumenti si aggiunge al normale detersivo una polvere disinfettante nell’intento di prevenire dermatiti o eritemi.