Orari e Turni Farmacie
Mappa Farmacie
AFAS su iPhone
Ricerca veloce
Carrello Prenotazione
AFAS su Facebook
Corriere Salute

AFAS: contro l’AIDS mai abbassare la guardia!

AFAS: contro l’AIDS mai abbassare la guardia!

Come ogni anno il 1° dicembre si celebrerà la giornata mondiale contro l’AIDS e anche quest’anno, come tutti gli anni, AFAS, l’Azienda delle Farmacie Comunale di Perugia, è in prima linea con una campagna di prevenzione di quella che in molti considerano una questione del passato, di minore importanza o che riguarda pochi, ma che invece è ancora a tutti gli effetti un problema enorme e molto pericoloso, soprattutto se sottovalutato. Per tutti, non solo per le cosiddette categorie a rischio.

La nostra campagna”, sottolinea il Direttore generale Raimondo Cerquiglini, “si intitola ‘L’Aids non guarda in faccia a nessuno’ ed è stata fortemente voluta da me, dal Presidente e da tutto il Consiglio di Amministrazione”.

Mai abbassare la guardia”, aggiunge il Presidente Virgilio Puletti, “poiché in Afas siamo consapevoli del ruolo fondamentale che svolgono le nostre farmacie in questo senso, in quanto fungono innanzitutto da primo e capillare contatto con la cittadinanza, poi perché attraverso la nostra rete possiamo portare nelle case dei cittadini un servizio informativo che probabilmente qui a Perugia non ha eguali”.

Il nostro intento è quello di spingere i cittadini a una maggiore consapevolezza rispetto ai rischi e alle questioni legate a questa malattia”, aggiunge Cerquiglini, soffermandosi poi sui dai relativi alle statistiche riguardanti i contagi che, nonostante la prevenzione e oltre 30 anni di informazione, non accennano a diminuire, “basti pensare che solo negli ultimi anni abbiamo assistito a un aumento sconvolgente del 50% delle morti tra gli adolescenti, come testimoniano le ricerche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità”.

Questioni che davvero non possono essere messe in secondo piano e sulle quali AFAS intende come sempre essere in prima linea.

 

Che cos’è l’AIDS?

La sindrome da immunodeficienza acquisita (da cui l’acronimo SIDA utilizzato nei Paesi francofoni, ispanofoni e lusofoni, di rado in italiano), o Acquired Immune Deficiency Syndrome (AIDS in inglese, normalmente utilizzato anche in italiano) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell’immunodeficienza umana (HIV). La malattia interferisce con il sistema immunitario limitandone l’efficacia, rendendo le persone colpite più suscettibili alle infezioni, in particolare a quelle opportunistiche, e allo sviluppo di tumori. Questa vulnerabilità aumenta con il progredire della malattia.

L’HIV si trasmette in molti modi, ad esempio tramite i rapporti sessuali, trasfusioni di sangue contaminato e aghi ipodermici e tramite trasmissione verticale tra madre e bambino durante la gravidanza, il parto e l’allattamento al seno.

Il virus e la malattia sono spesso indicati insieme come HIV/AIDS. La malattia è un importante problema sanitario in molte parti del mondo e la sua diffusione è considerata una pandemia. Nel 2009, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che vi siano 33,4 milioni di persone nel mondo che vivono con l’HIV/AIDS, con 2,7 milioni di nuove infezioni HIV all’anno e 2,0 milioni di decessi annuali a causa di AIDS. Secondo il rapporto UNAIDS 2009, in tutto il mondo vi sono state circa 60 milioni di persone contagiate sin dall’inizio della pandemia, con circa 25 milioni di morti e 14 milioni di bambini orfani nel Sudafrica.

La ricerca genetica indica che l’HIV abbia avuto origine in Africa centro-occidentale nel corso del ventesimo secolo. L’AIDS è stato individuato dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC) nel 1981 e la sua causa, l’HIV, è stata identificata nel 1983. Dopo una lunga controversia la comunità scientifica ha ritenuto che Robert Gallo e Luc Montagnier, con i rispettivi gruppi di ricerca, abbiano entrambi contribuito al raggiungimento di tale risultato.

Anche se i trattamenti per l’HIV/AIDS possono rallentare il decorso della malattia, non vi è cura conosciuta o vaccino contro l’HIV. Il trattamento antiretrovirale riduce sia i morti che le nuove infezioni, ma questi farmaci sono costosi e non sono disponibili in tutti i paesi. A causa della difficoltà nel trattamento delle infezioni da HIV, la prevenzione è un obiettivo chiave per il controllo dell’AIDS.

Fonte: Wikipedia